Confabitare prova a sintetizzare i possibili effetti che l’una o l’altra ipotesi potrebbero creare sui valori immobiliari dei propri associati.

Nel caso in cui venissero emessi Euro Bond in misura massiccia come richiesto dai Paesi più colpiti dal Coronavirus, ciò porterebbe grande liquidità nelle tasche degli italiani, e non solo, con grandi benefici per la ripresa dell’economia nazionale ed europea in genere.

Al contrario se l’Italia dovesse uscire dall’Euro, il Governo sarebbe costretto a “stampare moneta” per far fronte alla crisi di liquidità creata dalla pandemia e al contempo, svalutando la ritrovata Lira, si creerebbero i presupposti per un aumento dell’export dei nostri prodotti che tornerebbero ad essere sempre più competitivi sul mercato; in questo momento poi il costo di acquisto dell’energia, vero punto debole dell’Italia, sarebbe particolarmente conveniente considerato il crollo del prezzo del petrolio.

Tutto ciò comunque contribuirebbe ad un aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse, facendo tornare il mattone agli anni ’80, quando era il Re dei beni rifugio.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published.